MONTE DI PORTOFINO – 608 m

Settore: Appennino Ligure
Gruppo: Nodo della Scoffera

Descrizione

Visto sulle cartine, il Promontorio di Portofino si presenta come un’evidente protuberanza squadrata che interrompe l’uniformità della costa ligure, tra i paesi di Camogli e Santa Margherita Ligure. È sicuramente uno dei luoghi più caratteristici, noti e frequentati dell’intero Appennino Ligure, grazie ai luoghi selvaggi e incantevoli e alla fittissima rete di percorsi escursionistici ben mantenuti e segnalati dal Parco Naturale.
Il promontorio è formato dalla massiccia mole del Monte di Portofino (608 m) e delle sue numerose anticime (Monte Tocco, Monte delle Bocche, Monte Pollone, Monte Croci di Nozarego…). La cima della montagna, che dista solo un chilometro in linea d’aria dal mare (!), è costituita da una radura erbosa circondata da alti alberi che coprono il panorama; nella radura si trovano gli edifici abbandonati del Semaforo Vecchio, utilizzato per segnalazioni sia verso mare che verso terra, poi sostituito dal Semaforo Nuovo in posizione più favorevole.
Comunque, non è tanto la cima della montagna ad essere interessante quanto i suoi versanti. Essi sono caratterizzati da una certa dissimmetria, che deriva sia da una diversa litologia, sia da una diversa esposizione: il versante nord è umido e ombroso, coperto da folti boschi, generalmente abbastanza dolce, intagliato nei comuni calcari marnosi della Formazione di Monte Àntola; il versante a mare, invece, è completamente diverso: aspro, dirupato, molto soleggiato, e coperto dai tipici pini e arbusti della macchia mediterranea. Questo aspetto aspro e selvaggio si deve ad un cospicuo affioramento di conglomerati, rocce formate da ciottoli di varie dimensioni cementati tra loro da una pasta più fine, decisamente più resistenti rispetto ai calcari marnosi; essi tendono ad erodersi solo lungo le superfici di frattura, formando così pareti rocciose verticali, forre, ardite creste e pinnacoli.
È tra i conglomerati che si nascondono gli angoli più belli del promontorio, cioè le numerose calette poste allo sbocco dei piccoli torrenti che incidono il versante marittimo. Alcune di esse sono del tutto disabitate perchè troppo impervie (Cala degli InglesiCala dell’OroCala del Prato), mentre in altre l’uomo si è riuscito a fatica ad insediare, creando i piccoli abitati di San FruttuosoParaggiPorto Pidocchio e la stessa Portofino, che figurano in numerosissime cartoline. Questi luoghi, oltre che al particolare “molo naturale” di Punta Chiappa, al panoramico punto d’avvistamento del Semaforo Nuovo e al paese “appeso” di San Rocco di Camogli, sono le principali mete del Promontorio.
Una raccomandazione: nonostante le quote modeste e la vicinanza del mare, le escursioni qui proposte sono vere camminate in ambiente montano che, come tutte le camminate in ambiente montano, necessitano del giusto grado di allenamento, del giusto equipaggiamento e di molta acqua, specialmente durante la caldissima stagione estiva. Le escursioni indicate come “EE” non devono assolutamente essere sottovalutate: necessitano di passo fermo, assenza di vertigini, buon allenamento alla fatica e confidenza con terreni impervi.
​Troppi turisti ogni anno sottovalutano i pericoli esistenti sui sentieri del Promontorio, col risultato che spesso e volentieri si deve ricorrere all’intervento del Soccorso Alpino. Da questo punto di vista, si capisce benissimo come mai sentieri come la Via dei Tubi non siano di libera fruizione; anzi, probabilmente è un miracolo che il sentiero da San Rocco di Camogli a Portofino sia ancora aperto a tutti.

Escursioni sul promontorio

  1. Da Camogli a Punta Chiappa
  2. Da Camogli al Semaforo Nuovo
  3. Da Camogli a San Fruttuoso per le Pietre Strette
  4. Da Camogli a San Fruttuoso per il Passo del Bacio
  5. Anello del Semaforo Nuovo da San Rocco di Camogli
  6. Anello del Monte di Portofino da Ruta
  7. Via dei Tubi
  8. Da Ruta a Portofino
  9. Da Santa Margherita Ligure a San Fruttuoso
  10. Da Santa Margherita Ligure a Portofino
  11. Anello della Valle dell’Acqua Viva da Paraggi
  12. Da Portofino a Vitrale
  13. Da Portofino a San Fruttuoso (deviazioni alla Punta del Giasso e alla Cala degli Inglesi)
La chiesa di Pieve Ligure e il Promontorio di Portofino
La chiesa di Pieve Ligure e il Promontorio di Portofino (8 ottobre 2020)

Torna a: Nodo della Scoffera